BUONE SERIE … OPS: BUONE FERIE

Team Energicrea   Scritto da • Team Energicrea Data • 22 Luglio 2019

Con i numeri si potrebbe dire tutto (anche augurare buone ferie come faremo noi in questo articolo) ma anche il contrario di tutto o almeno così si ritiene in un paese che studia poco matematica e per nulla statistica

Ad avvalorare questa tesi ha tristemente contribuito il pur sagace poeta Trilussa sostenendo che se un tizio mangia due polli ed uno digiuna, secondo la statistica avrebbero mangiato un pollo a testa; fortunatamente ad un poeta si concede di fermarsi al concetto di media aritmetica mentre chi, pur non sapendo scrivere un sonetto, si occupa di econometria, conosce indici di concentrazione, di distribuzione, varianza, scarto quadratico, per arrivare addirittura alla nostra amata Lean Six Sigma che identificherebbe il digiuno del secondo tizio come un errore e ci aiuterebbe ad identificarne le cause 🙂

Nei giorni scorsi abbiamo ricevuto una provocazione intellettuale: veniva posto alla nostra attenzione che vi sarebbe una correlazione matematica elevata tra il consumo procapite di formaggio ed il numero di morti strozzati dalle proprie lenzuola. Allo stesso modo sarebbero correlati il numero di apparizioni di Nicholas Cage e gli annegamenti in piscina, cosa che suggerirebbe di far cambiare lavoro all’attore se non fosse che le sue apparizioni farebbero diminuire gli incidenti in elicottero ed avere più giornate di sole nel New Jersey.

Anche se all’inizio questi fenomeni potrebbero incuriosire almeno un poeta romanesco, fortunatamente è un fatto noto: la correlazione tra due serie di numeri viene misurata con un indice detto di correlazione lineare che varia da 0 quando è nulla a 1 quando è totale ma può essere generata da una relazione che si chiama di multicollinearità ovvero quando i fenomeni non dipendono uno dall’altro bensì entrambi siano correlati ad un terzo.

Sono casi noti il numero di morti per attacco da squali e la lunghezza delle gonne (dipendono entrambi dalla temperatura che alzandosi fa portare gonne più corte e fare più nuotate) o il numero di auto sulla quinta strada ed il livello dell’acqua del fiume Potomac (dipendono entrambi dalle fasi lunari in quanto ci sono più auto di giorno e la luna influenza le maree).

Allo stesso modo possiamo rispondere a chi ci voleva stupire che: si mangia più formaggio e si usa dormire più coperti nei mesi freddi e che i film di intrattenimento, tra i quali quelli di Nicholas Cage, escano di più nei mesi caldi quando, a prescindere dall’attore, ci saranno più giornate di sole, meno maltempo che fa cadere elicotteri e più gente in piscina 🙂

Ma se con i numeri si può dire quasi tutto ma anche quasi il contrario di tutto, noi vogliamo semplicemente dirvi: BUONE FERIE!!!

Sicuri che queste ultime avranno un enorme indice di correlazione con la vostra serenità 🙂